Game Dev Tycoon versione craccata per controllare la pirateria

di Gtuzzi Commenta


Il team di sviluppo di Game Dev Tycoon, un gioco gestionale che è stato rilasciato per computer, ha preso la decisione di craccare il proprio videogioco, in maniera tale da poter seguire i movimenti degli hacker.
Si tratta di un’iniziativa che è stata proposta nel corso dell’ultimo weekend, nel momento in cui Greenheart Games, la software house indipendente che ha sviluppato il titolo ha rilasciato sul mercato videoludico Game Dev Tycoon da poco tempo nelle versioni per PC, Linux e Mac.
Nello stesso tempo, la software house ha introdotto sul mercato la versione hackerata del videogioco su uno dei più famosi portali torrent.

BEYOND TWO SOULS DURERA’ 10 ORE

Peter Klug, uno dei fondatori di Greenheart, ha voluto sottolineare come la versione hackerata del videogioco presentava alcune differenze rispetto alla copia fisica lanciata in tutti i negozi.
La prima differenza è che la versione craccata ha la capacità di comunicare tutte le varie statistiche di utilizzo direttamente alla software house, in maniera tale che il team di sviluppo abbia la possibilità di capire quante siano effettivamente le persone che stanno giocando sfruttando la copia pirata.

MOTOGP 13 REQUISITI PC RIVELATI

I risultati di questa iniziativa hanno superato ogni previsione, visto che durante il primo giorno di vendite più di 3000 utenti hanno craccato il gioco, mentre sono solo 214 coloro che lo hanno acquistato nella copia originale.
In realtà, però, all’interno della copia piratata il team di sviluppo ha inserito uno stratagemma per far aprire gli occhi agli utenti: infatti, Game Dev Tycoon è una simulazione in cui gli utenti devono mettere in piedi il proprio studio di sviluppo di videogiochi, ma dopo poche ore di gioco tutti gli sforzi verranno annullati per colpa della pirateria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>