Disney comunica la chiusura di LucasArts

di Gtuzzi Commenta


La famosa azienda Disney, durante gli anni, si è sempre contraddistinta per il fatto di acquisire tutta una serie di brand di grande importanza e di società che hanno riscosso apprezzamenti in tutto il mondo. Proprio durante lo scorso anno, Disney è stata in grado di chiudere un’operazione decisamente importante, con l’acquisizione definitiva della famosa LucasArts: si tratta della società videoludica che è nata grazie all’impulso di George Lucas che, durante gli ultimi anni, ha diffuso nei negozi di tutto il mondo, tutta una serie di videogiochi che hanno riscosso un ottimo successo sul mercato videoludico.

RESIDENT EVIL REVELATIONS WII U DETTAGLI SVELATI
Proprio negli ultimi tempi, questa operazione commerciale che è stata portata a termine da Disney aveva portato a pensare come la stessa celebre azienda potesse, a breve, rilasciare diversi annunci di grande importanza per tutti i fans del mondo videoludico.
In seguito alla diffusione di alcune voci di corridoio, ecco che è finalmente giunta anche la notizia ufficiale, che lascia un po’ di stucco diversi appassionati: Disney ha comunicato di aver intenzione di chiudere la divisione LucasArts.

FAST AND FURIOUS SHOWDOWN IN ARRIVO?

Dopo un’attenta valutazione, Disney ha certamente preso una decisione in relazione all’impossibilità di ricavare dei buoni risultati da quanto sviluppato da LucasArts: ecco spiegato il motivo per cui si è giunti a concludere tale rapporto.
In poche parole, ciò significa che questa decisione porterà a licenziare 150 persone e anche a bloccare diversi progetti che erano ormai entrati nelle aspettative di tantissimi appassionati del mondo videoludico: ci stiamo riferendo, giusto per fare qualche esempio, a Star Wars 1313 e Star Wars First Assault.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>