Rainbow Six Siege, Ubisoft punirà duramente i “furbetti”

di Enrico Cantone Commenta

Si preannunciano tempi duri per i bari su Rainbow Six Siege: Ubisoft in questi tre anni dal momento del lancio si è goduta un successo planetario dello sparatutto, capace di raccogliere milioni di utenti che hanno alla fine creato una community vasta e decisamente attiva.

Rainbow Six Siege

Come sempre accade in questi casi, i “furbetti” sono inevitabili: i trucchi che permettono di trarre ingiusti vantaggi in diverse situazioni della modalità online sono diversi, Ubisoft cerca in tutti i modi di contrastare queste pratiche. E, a conferma di ciò, sono le ultime settimane che hanno visto un inasprirsi continuo delle sanzioni verso questi personaggi.

Sono stati così condivisi alcuni dati che ben testimoniano quest’impegno: 1300 sospensioni temporanee di account di Rainbow Six Siege per aver manipolato in modo artificiale il MMR. Sospensioni che sono durate due settimane. Non solo: oltre a questo ban temporaneo sono state resettate anche ricompense e grado, probabilmente il vero deterrente per chi vuole ricorrere a mezzi non propriamente leciti.

Il meglio, però, deve ancora venire: Ubisoft ha confermato che queste misure sono soltanto temporanee e che presto sarà disponibile un nuovo sistema di controllo e punizione che sarà ancora più duro. Alcuni assicurano che tale sistema arriverà già con la terza stagione dell’anno 3 di Rainbow Six Siege, attesa a stretto giro di posta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>