Ouya uscita fissata per il 4 giugno

di Alessandro Bombardieri Commenta

La console da 99 dollari Ouya basata su Android farà il suo debutto ufficiale sul mercato il prossimo 4 giugno, negli Stati Uniti, in Canada ed in Regno Unito, secondo quanto comunicato ufficialmente dagli sviluppatori.


Il sistema iniziò la sua vita lo scorso mese di luglio tramite la campagna avviata su Kickstarter, che raccolse 1 milione di dollari in 24 ore e chiuse a quota 8,5 milioni di dollari. Come affermato da Julie Uhrman, CEO di Ouya: “Nove mesi fa condividemmo un’idea per una console immersiva, bella e divertente che ha ricevuto ottimi riscontri dagli sviluppatori e dai giocatori”.

Secondo quanto comunicato ufficialmente, oltre 8.000 sviluppatori sono al lavoro per creare contenuti per la piattaforma tra cui anche nomi conosciuti del calibro di Square Enix, Double Fine, Tripwire Interactive e Airtight Games. Ouya inoltre supporterà anche diverse applicazioni come per esempio TwitchTV, Flixster, Plex, XBMC, Crunchyroll, iHeartRadio.

OUYA SUPPORTERÀ ONLIVE

A partire dal prossimo mese di giugno sarà possibile acquistare la console Ouya online sui siti Amazon, Best Buy, GAME, GameStop e Target, oltre che sul sito ufficiale di Ouya. È già stato comunicato che i controller extra potranno essere acquistati al prezzo di 50 dollari. Inoltre si è scoperto anche che l’intenzione degli sviluppatori è quella di rilasciare un nuovo modello di Ouya aggiornato ogni anno, per avvantaggiarsi del calo di prezzo dei componenti.

Ouya ha anche assunto il co-fondatore di Thatgamecompany, Kellee Santiago, lo scorso mese di febbraio, per guidare le relazioni tra gli sviluppatori. Randy Pitchford, sviluppatore di Borderlands e CEO di Gearbox Software, proprio la scorsa settimana si è detto scettico riguardo al nuovo progetto Ouya.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>