Let It Die, il nuovo gioco di Suda 51, è ora disponibile

di Marco Simile Commenta

Nel corso dell’ultimo PlayStation Experience, è stato annunciato che Let It Die, il nuovo titolo di Suda 51, è disponibile gratuitamente sul PlayStation Store.

Nato dalla collaborazione tra Grasshopper Manufacture e GungHO Online Entertainment, Let It Die è particolarissimo survival action game online caratterizzato da un gameplay Souls-like, da ambientazioni cupe, grottesche, quasi malate, e dall’inconfondibile stile di Goichi Suda.

“Benvenuti nella follia post-apocalittica di Let it Die, il nuovo gioco di Grasshopper Manufacture e GungHO Online Entertainment.”

Può essere scaricato gratuitamente sul PlayStation Store, è esclusiva PlayStation 4 e non necessita di sottoscrizione al servizio Plus per potervi giocare. Ovviamente, trattandosi di free to play, chi deciderà di spendere i propri soldi potrà godere di alcuni bonus in-game, che permetteranno alcune facilitazioni e una crescita più veloce del personaggio.

Vediamo ora insieme una breve introduzione ai personaggi principali:

  • Uncle Death

    Uncle Death (doppiato da Jukka Hilden) è il primo personaggio di rilievo che incontrerete durante l’avventura. Questo patito di skateboard e golf vi mostrerà il suo gioco preferito, ma per fortuna resterà con voi nella doppia veste di guida e tifoso. Pur fornendo un aiuto utile, suggerimenti di base e commento tecnico sulle uccisioni più brutali, Uncle Death non resta mai lontano dall’azione a lungo.
    È un tipo brusco, ma sa anche apprezzare chi lo merita. Stranamente, insisterà nel chiamarvi “senpai” (un termine giapponese solitamente riservato ai compagni di scuola più anziani) pur avendo circa 1.000 anni più di voi. Non fatevi ingannare dalle apparenze, questo mietitore è tutto fuorché tetro. A volte può essere strambo, ma sembra apprezzare un po’ troppo il violento caos che lo circonda…


  • Kiwako Seto

    Kiwako Seto (Daveigh Chase) è l’ultimo acquisto di Direct Hell, prima (e probabilmente unica) compagnia di assicurazioni post-apocalittica in città. Nonostante la morte e la distruzione che la circondano, Kiwako è molto brava nel suo lavoro e riesce a mantenere il controllo.
    Tende a eccitarsi troppo quando assiste a quella che considera una morte “CRUENTASTICA”, ma questo non le impedisce di offrire educatamente la polizza d’assicurazione standard della sua compagnia, quella che riporta in vita. Ovviamente, è il prodotto più venduto.


  • The Jackals

    La Tower of Barbs può essere un posto molto caotico, specialmente dopo che i giocatori hanno lasciato dietro di sé una scia di morte e distruzione. Per fortuna, i Jackals intervengono per ripulire il tutto con classe.
    Questi ex-criminali e campioni di un torneo segreto di arti marziali, sono stati scelti uno per uno dal misterioso Yotsuyama Group. I loro compiti di “pulizia” prevedono anche il recupero di combattenti morti. I combattenti d’alto livello hanno un bel valore, per cui i loro cadaveri (e l’equipaggiamento residuo) possono essere molto utili agli aspiranti cacciatori di tesori.
    I Jackals sono dotati di un equipaggiamento molto superiore a quello che un giocatore può recuperare nella torre, quindi interrompete il loro lavoro a vostro rischio e pericolo!

    Jackal X (Verne Troyer) è un ex-malavitoso e un violento bruto. È irascibile e abbastanza abile da poterselo permettere; la sua arma è una sciabola energetica in grado di fare velocemente a fette chiunque sia così pazzo da infastidirlo.

    Y (Mark Rolston) è un ex-sicario e, in generale, il “ganzo” del gruppo. La sua arma di scelta è l’elegante pistola a energia.

    Z (Traci Lords) è l’unica donna del gruppo. Il suo passato è avvolto nel mistero, ma l’enigma più grande è come abbia fatto a raggiungere un simile livello d’abilità con il complicato ma letale yo-yo a energia!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>