Sony risponde al Game Pass

di pask Commenta

Project Spartacus è la risposta di Sony ai pass della concorrenza. Previsto per la primavera del 2022 con diverssi livelli di pagamento.

Era questione di tempo che la Sony creasse per la propria piattaforma un “pass” che accontentasse le esigenze dei giocatori. A quanto pare anche Playstation Plus si adegua al mercato e prova a rispondere ad una concorrenza, quella di Microsoft in primis, sempre più agguerrita. Ricordiamo anche la portabilità dei giochi su PC che ha preso piede in casa Sony ed infatti siamo a pochi mesi dal rilascio di God of War. A quanto pare Playstation sembra finalmente aprire la mente.

Per dicembre 2021 infatti sono stati svelati tre giochi gratuiti per tutti gli abbonati, non senza qualche polemica. Come ormai accade già da tempo in questo ambiente, le polemiche sembrano essere la base di tutto. È il caso di uno dei tre giochi gratuiti Godfall che sembra non aver la possibilità di giocare la campagna in single player e per quanto riguarda il multiplayer non è abbastanza deludente. Tolto questo restano gli altri due titoli Lego DC Supervillains e Mortal Shell, opposti per pubblico e genere ma abbastanza divertenti per iniziare questa avventura per gli utenti di ps4. I giochi saranno riscattabili dal 7 dicembre. Per gli abbonati al plus su ps5 è disponibile anche un ampio catalogo di titoli ps4 da giocare.

La risposta di Sony al Game Pass di Microsoft è ancora in fase di preparazione ma si promette degna della competizione. Bloomberg fa sapere che il nome sarà Spartacus ed andrà ad unificare PSnow e PSplus e dovrebbe debuttare a primavera 2022. La prassi è simile a quelli già conosciuti con altri abbonamenti che esulano anche dal giro dei videogames e prevederà diversi livelli di prezzo. Chi deciderà di pagare quello più oneroso riceverà in cambio la possibilità di giocare anche a titoli retrogaming fino alla PS1 e questo farà contenti i fan Sony che finalmente potranno giocare anche a vecchie glorie di ps1, ps2, ps3 finanche alla psp. Ma non solo, è previsto anche il cloud gaming e la possibilità di giocare a demo più estese per farsi un’idea migliore sui giochi in uscita.

Project Spartacus dovrà dunque garantire un servizio degno della concorrenza ed al contempo accontentare le esigenze degli utilizzatori. Visto che saranno pensionati gli attuali piani di pagamento, è consigliabile non commettere errori che potrebbero costare cara alla Sony che inizia a sentire il peso della concorrenza.

FONTE

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>