Resident Evil 8 + Re:Verse in arrivo per Capcom

Come ormai è ben noto a tutti i fan di Capcom, Resident Evil 8, battezzato con il nome di Resident Evil VIllage, è realtà. Sono usciti da pochi giorni i trailer del gameplay e quelli i cui si vedono chiaramente chi saranno i nuovi nemici da affrontare. Andiamo dunque a vedere quali reazioni questo trailer ha scaturito in questi giorni intercorsi.

Partiamo subito dal soggetto più chiacchierato di questi giorni. La vampirona, che sarebbe l’unione di vamp e tettona, Lady Dumitrescu è già l’icona dei meme per eccellenza. Meme ovviamente a sfondo sessuale. Molti fan lamentano la totale mancanza del fattore “paura” che un boss come Nemesis o Mr.X trasmettevano nei capitoli iniziali, ma anche qualcuno dalle fattezze lugubri come l’allegra famigliola di Resident Evil 7. Indubbiamente per confutare se un gioco possa essere all’altezza va giocato ed è per questo che Capcom ha già cominciato a rilasciare le prime demo. Da non dimenticare le due accompagnatrici, sicuramente più suscettibili come personaggi dato il loro aspetto più mostruoso.

Come avrete notato la copertina di Re Village su ps5 raffigura un Chris Redfield metà uomo e metà licantropo. A quanto pare Capcom, senza farsi troppi problemi, potrebbe far raggiungere un punto di svolta epocale per uno dei personaggi più iconici, pilastro della saga sin dagli albori essendo anche uno dei due protagonisti principali del primo capitolo. Cosa succederà dunque all’inossidabile Chris Redfield? È la domanda che tutti si fanno.

Crash Bandicoot si divide in due tra mobile e console

Crash Bandicoot: On the Run

Titolo mobile che ha visto la conferma con la neo pagina twitter dove è stato pubblicato prima un teaser e poi il trailer di presentazione che potete visionare qui sopra. Il gioco dovrebbe essere disponibile per la fine dell’estate 2020, ma potete scaricare una versione di prova sia sull’app store che su google play quindi sarà disponibili sia per sistemi iOs che android. Il gioco inizialmente doveva chiamarsi semplicemente Crash Bandicoot Mobile, salvo poi passare al titolo definitivo “On The Run”. Realizzato da una collaborazione tra Naughty Dog e King, noto sviluppatore di giochi mobile e già artefice del fortunato Candy Crash. Il genere sarà endless run, ovvero corsa continua dove il giocatore dovrà schivare nemici ed ostacoli proprio come nell’universo Crash conosciuto. Dal trailer si nota la presenza di Coco, storica compagna di avventure del Bandicoot più pazzo della storia.

Tutte le novità della saga DOOM: dai primi 2 capitoli ad Eternal

È quasi un privilegio assistere alla passione che Id Software e Bethesda stanno dimostrando per questa saga di videogiochi. A distanza di 25 anni dal primo capitolo, ancora oggi si parla di aggiornamenti. Poi vabbè c’è Doom Eternal.

Doom I e II

Nuovo update per le riedizioni dei primi due capitoli di questo iconico sparatutto. Le potete trovare sullo store Bethesda. L’aggiornamento principale è quello del supporto all’aggiunta di nuovi addo-ons e megaWADs dove spunta anche Sigil, l’ultimo capitolo uscito l’anno scorso. Tutto ovviamente in maniera gratuita.

Aumentato anche il framerate da 30 a 60fps, sì sembra strano parlare di framerate così basso ma ricordatevi di cosa stiamo parlando e di quanti anni ha alle sue spalle. Poi ci sono anche i quicksave rapidi e la possibilità di migliorare l’HUD tra le opzioni dedicate.

Essenzialmente queste funzioni le svolgevano largamente anche applicazioni come GZDoom che si utilizzavano per far partire i file .WAD con le varie campagne aggiuntive che nel corso degli anni sono state create anche dai fan, solo che adesso sono in via ufficiale. L’aggiornamento riguardano esclusivamente le nuove versioni in vendita sullo store Bethesda, nulla per quanto riguarda quelle Steam.

Ricordiamo infine che Doom 1,2 e 3 sono stati resi disponibili su più piattaforme, introducendo anche quella nintendo switch oltre che per smartphone e che con l’arrivo di Eternal ci sarà anche l’uscita di Doom 64 che potrebbe avere già implementato tutte queste funzioni.

Half Life Alyx e Valve Index: il rilancio della realtà virtuale

Valve, famosa software house creatrice della piattaforma digitale per PC Steam, pioniera del digital delivery, ha da poco presentato la sua nuova creazione Virtual Reality: il visore Valve Index. Ora annuncia il primo gioco basato su questa tecnologia e non poteva che essere Half Life.

La storia di Valve ed Half Life

Half Life è uno di quei titoli che in passato sono stati baluardo di rivoluzione tra gli sparatutto ed i videogames in generale, in questo Valve è sempre stata innovativa ed è probabilmente il motivo principale del suo successo. Chi non conosce la saga dovrebbe fare un tuffo nel passato per recuperare quei gioielli ormai del retrogaming, ma sempre attuali e sorprendenti.

I primi capitoli hanno rivoluzionato introducendo per la prima volta la fisica in uno sparatutto ed il sistema di quicksave, difatti la storia di half-life non ha filmati, ma viene vissuta totalmente in prima persona dal giocatore. Half Life 2 introdusse la Gravity Gun, la pistola gravitazionale che permetteva al giocatore di attirare a sé oggetti dall’ambiente circostante ed utilizzarli come proiettili. Tutte innovazioni che sono state fonte di ispirazione in moltissimi giochi successivi.

Gabe Newell CEO di Valve però non ha mai annunciato un terzo capitolo della saga, difatti è sempre stato oggetto di meme per questo, anche se resta comunque un personaggio molto amato dai videogiocatori. Non dimentichiamo inoltre il motore grafico Source che continua a dare il meglio anche in questo nuovo capitolo.

John Wick Hex: il titolo del nuovo videogioco

John Wick negli ultimi anni ha conquistato il pubblico diventato una trilogia ben salda nel cinema action. Ovviamente il merito di tale successo va attribuito all’inossidabile interpretazione di Keanu Reeves.

È stata IGN a pubblicare su youtube il trailer dedicato al gioco in questione. La grafica ricorda il vecchio XIII, altro gioco inerente al genere sparatutto / spionaggio anche se in quel caso la visuale era in prima persona, mentre per Hex la visuale è dall’alto.